News

CONFERENZA DEL 4 DICEMBRE 2019 ORE 17, 30

PALAZZO ALBANI - URBINO RELATORE PROF. FRANCO NANETTI [leggi...]

CONFERENZA 04/12/2019

L’arte di dialogareNeuroscienze [leggi...]

Ultime News

Calendario 2019-2020


CONFERENZA DEL 4 DICEMBRE 2019 ORE 17, 30

PALAZZO ALBANI – URBINO
RELATORE PROF. FRANCO NANETTI
CLINICA DELLE EMOZIONI
TRASFORMARE IL DOLORE IN
CONSAPEVOLEZZA E PACE INTERIORE
Ci sono emozioni “autentiche” che ci aiutano a vivere in pienezza e ci orientano verso scelte “funzionali agli scopi” che vogliamo raggiungere, emozioni ispirate ai nostri valori, ed emozioni “parassite” che non sono una risposta ad effettivi pericoli, ma connessi con reazioni di attacco e fuga si pongono come una riedizione di traumi mai elaborati.
Si tratta di emozioni che interferiscono con le nostre più buone intenzioni.
Quante volte ci siamo impegnati nell’intento di intraprendere un lavoro che ci piace, o cominciare una relazione che soddisfi i nostri bisogni profondi, eppure tutto resta uguale.
Rimaniamo nell’empasse. Continuiamo a fare sempre lo stesso lavoro o a rimanere ingabbiati in un rapporto di coppia fonte di disagio e malessere.
Per quale ragione?
Ciò dipende da uno stato di dissonanza tra una parte di noi che a livello del dichiarato vuole intraprendere una nuova strada ed un’altra parte che interdice che a livello inconscio la nostra intenzione dichiarata.
Quella parte che dice No è il residuo di una paura acquisita nell’infanzia depositata nel nostro copione psicosomatico, una paura che continua a boicottarci perché ci spinge a reagire in modo automatico come se fossimo rimasti “indifesi”.
Così, come bambini incapaci di energizzare il nostro Adulto, minacciamo l’altro diventando aggressivi o lo compiacciamo diventando chiusi allo scambio e alla reciprocità.
La soluzione non sta nei buoni intenti, ma nel trasformare la paura disadattiva in una paura adattiva.
Sulla base delle attuali ricerche sulla neuro plasticità cerebrale e sulla psiconeuroimmunologia, è ormai evidente che il cambiamento profondo può avvenire a molteplici livelli, ma in particolare coinvolgendo il “cervello emotivo”, ossia attraverso un percorso di ristrutturazione e trasmutazione emozionale a mediazione corporea, volto a “riprogrammare cambiare l’abitudine di essere se stessi”.

PROGRAMMA DELLA CONFERENZA

  • Accogliere, conoscere, condividere le proprie emozioni
  • Come le emozioni si riconoscono nel corpo
  • Cambiare il proprio modo di pensare e l’abitudine di essere sé stessi
  • Pronto soccorso emotivo: come far fronte alla rabbia, alla paura, alla tristezza, alla colpa
  • Dare voce al bambino ferito dentro di noi: dalla reazione inconsapevole alla risposta consapevole
  • Il risveglio del cuore: allenarsi alla gioia

I commenti sono chiusi.